Alcolici e comparsa di tumori: l’ultimo rapporto europeo parla di rischi alti e sottovalutati

Viviamo nel continente che consuma il maggior quantitativo di bevande alcoliche: con più di un quinto della popolazione di età superiore ai 15 anni che ingolla quattro bicchieri al giorno almeno una volta a settimana e un utilizzo annuo pro-capite che raggiunge la quota di nove litri. Di conseguenza, senza un’inversione di rotta, dovremo prepararci a un aumento dei tumori dell’apparato digerente: al colon-retto (nei consumatori moderati), a cui si aggiungono quelli all’esofago, allo stomaco, al fegato e al pancreas (nei forti bevitori)…

Oltre che – aspetto non precisato nel report, ma preventivabile sulla base di quanto già dimostrato – delle neoplasie del cavo orale, della faringe e della laringe. Non usano giri di parole i gastroenterologi europei, nel rapporto che correla i consumi di bevande alcoliche al rischio oncologico per le neoplasie del tratto digestivo…

Sorgente: Alcolici e comparsa di tumori: l’ultimo rapporto europeo parla di rischi alti e sottovalutati – La Stampa

I commenti sono chiusi.