IN ARRIVO UN NUOVO FARMACO CONTRO FIBRILLAZIONE ATRIALE, ICTUS E TROMBOEMBOLISMO VENOSO

image

Quello della fibrillazione atriale è un capitolo molto importante della sanità, sia sul fronte economico che su quello di salute pubblica. Il 52% dei pazienti con fibrillazione atriale assume da 5 a 15 compresse al giorno, alcune delle quali assai poco maneggevoli. Se a tutto questo aggiungiamo che la classica terapia con il warfarin (Coumadin) richiede un monitoraggio continuo, con frequenti prelievi di sangue, è facile comprendere l’impatto positivo che stanno avendo queste nuove terapie.
Sul mercato italiano sono già disponibili alcuni anticoagulanti orali (NAO). Ora arriva Edoxaban (Lixiana), un NAO in monosomministrazione giornaliera, della Daiichi Sankyo, che lo ha presentato in anteprima, nei giorni scorsi, a Roma. Edoxaban è un inibitore selettivo e reversibile del fattore Xa della cascata della coagulazione…

vai all’articolo…

Precedente La gastrite nervosa: cos’è e come gestirla con integratori Successivo DOTT. PIERO MOZZI - LA DIETA DEI GRUPPI SANGUIGNI