Il cuore ha fiuto per i grassi: quando li “annusa”, si impigrisce

Il nostro cuore è dotato di recettori olfattivi, proprio come quelli che si trovano nel naso: alcuni si attivano legandosi alle molecole di acidi grassi che circolano nel sangue e determinano un calo nell’attività del muscolo cardiaco, che rallenta il battito e si contrae con meno forza…

La scoperta, pubblicata su Basic Research in Cardiology dall’Università della Ruhr a Bochum, in Germania, potrà avere importanti risvolti per la cura delle aritmie e soprattutto per i pazienti diabetici, che hanno livelli particolarmente elevati di acidi grassi nel sangue…

vai all’articolo…

I commenti sono chiusi.