Gestire l’ansia e il panico attraverso la respirazione

Come gestire l’ansia?

Tutti parlano di ansia, panico, paura estrema, terrore intrapsichico. E’ sufficiente digitare la parola “ansia-panico” sul qualsiasi motore di ricerca per visualizzare milioni di articoli che descrivono in modo sistematico la sintomatologia centrale dei disturbi d’ansia. Molti di questi articoli ripetono l’essenza sintomatica di uno dei disturbi più diffusi del nostro millennio, ma solo pochi offrono una soluzione concreta…

Aumento del battito cardiaco, sudorazione, vertigini, nodo alla gola, capogiri, ecc., sono i sintomi che generalmente sono elencati, con l’evidenza che tipicamente la persona affetta da un disturbo d’ansia conosce (già) bene. In quest’articolo non ci occuperemo di elencare i diversi disturbi d’ansia (ansia generalizzata, disturbo post-traumatico da stress, ipocondria, disturbo di panico, ansia sociale, ansia da separazione, agorafobia, ecc.) ma di offrire un metodo concreto per bloccare l’ansia, diminuire la paura, impedire al panico di prendere il sopravvento sul nostro corpo e sulla nostra mente.

Sicuramente conoscerai la tipica ansia pre-esame universitario o la paura che sopraggiunge prima di un colloquio di lavoro (per te) importante. E’ sufficiente assisteste a qualsiasi esame universitario o concorso pubblico per accorgersi facilmente che circa il 60% dei partecipanti manifesta degli evidenti sintomi d’ansia da prestazione…

Sorgente: Gestire l’ansia e il panico attraverso la respirazione – PSICHE.ORG

Precedente Allarme gonorrea, attenzione al sesso orale Successivo Fermenti lattici: cosa sono, quando prenderli e quali sono efficaci