I gemmoderivati per le malattie croniche

 

gemmoterapici, grazie alla loro natura biochimico-informazionale si presentano quali rimedi naturali applicabili sia a livello preventivo, per il mantenimento dello stato di salute, che in presenza di patologie in atto. In quest’ultimo caso è possibile ricorrere a due tipologie di intervento, opzionali e complementari tra loro:

  • uno, messo a punto dallo scrivente, e rivolto al “Terreno” della persona;
  • l’altro di tipo “clinico”, squisitamente allopatico, messo a punto, negli ultimi 60 anni, dalla classe medica…

Sebbene vengano comunemente usati anche per i casi acuti, nella pratica clinica, eccetto rari casi, i gemmoterapici mostrano concordemente una spiccata elettività per le sindromi croniche. Tra i due tipi di approccio quello di Terreno si rivela maggiormente efficace per i quadri morbosi complessi (contemporanea presenza di più sindromi indipendenti associate a disturbi psico-emotivi), mentre quello clinico per i casi di patologia singola o, al massimo, combinata con un’altra. La metodologia clinica, oggetto della nostra trattazione, è ampiamente trattata in letteratura con un vasto repertorio di associazioni terapeutiche, gemmoterapico – malattia, e relative somministrazioni…

Sorgente: I gemmoderivati per le malattie croniche

Precedente Cos'è la flora intestinale Successivo La conta spermatica in Occidente si è dimezzata