Infarto e aterosclerosi, non sempre il colesterolo buono abbassa i rischi

122503651-dd9430d7-31d9-44fc-8f06-792ea7c10778

Uno studio della University of Pennsylvania Perelman School of Medicine, pubblicato suScience, primo firmatario l’italiano Paolo Zanoni (ora all’università di Zurigo), suggerisce che non sempre avere elevati valori di colesterolo “buono” Hdl , tradizionalmente considerato “protettivo” per il sistema cardiovascolare, significa essere a basso rischio di infarto o aterosclerosi…vai all’articolo…

Precedente L'esercizio fisico protegge dal tumore grazie all'adrenalina Successivo Disintossicare il corpo e ritrovare l’energia: i consigli dei monaci Shaolin