La tiroide in gravidanza: cosa cambia?

 

DXDH8B Throat pain

Durante la gravidanza la tiroide è molto più attiva e impegnata, perché deve lavorare non soltanto per la madre, ma anche per il feto. Il monitoraggio della funzione tiroidea, e dell’ormone TSH, è fondamentale non soltanto nei nove mesi di gestazione, ma anche prima, quando si decide di voler avere un bambino. Il 7-8 per cento delle donne in età fertile soffre di ipotiroidismo, soprattutto subclinico, una patologia che è caratterizzata da una ridotta funzione tiroidea, con un relativo aumento dei valori di TSH, che spesso, almeno in questa prima fase, non dà sintomi specifici ed è perciò difficile da diagnosticare se non con esami specifici. Più raro è l’ipertiroidismo, disturbo causato da un’alterata funzione della ghiandola tiroide che produce una quantità eccessiva di ormoni tiroidei…

vai all’articolo…

Precedente Absorbplate: il piatto che fa dimagrire mangiando Successivo Pillola dei 5 giorni dopo: boom di vendite in Italia