‘Perline’ microscopiche nello stomaco per combattere obesità

20081203 - PISA- HTH- TRAPIANTI: IN CENTRO PISA, PRONTI CON ROBOT ANCHE PER FEGATO - Le braccia meccaniche di un robot, comandate da una consolle da un chirurgo che hanno aiutato per la prima volta ad effettuare alcune fasi di prelievo e trapianto di un rene da un donatore vivente. L'operazione, unica in Italia e la seconda in Europa, e' stata effettuata dall'equipe del professor Ugo Boggi a Pisa, lo stesso chirurgo che un anno fa  effettuo' con successo il primo trapianto di rene crociato in Italia fra tre coppie affettive biologicamente non compatibili. FRANCO SILVI/ ANSA/ COC

Nella lotta contro l’obesità arriva una nuova arma, che sembra essere sicura e permette di non ricorrere alla chirurgia. Si chiama embolizzazione bariatrica, e comporta l’iniezione di ‘perline’ microscopiche in una specifica parte dello stomaco, il fondo, dove si produce la grelina, il cosiddetto ormone dell’appetito:così si riduce l’afflusso di sangue e diminuiscono i segnali di fame. Il tutto avviene tramite un catetere, con cui si accede a vasi sanguigni specifici,attraverso una piccola incisione nella pelle dell’inguine o del polso…

vai all’articolo…

Precedente Dolore al seno: quali sono le possibili cause e quali le cure caso per caso Successivo Tumore alla prostata: eiaculazioni frequenti possono allontanare il rischio