Quali sono i parassiti più frequenti nel nostro corpo?

Gli anchilostomasi umani includono due specie di nematodi, Ancylostoma duodenale e Necator americanus. Questi tipi di parassiti possono arrivare ad un massimo di 1 cm di lunghezza, i vermi adulti vivono nell’intestino duodenale e nell’intestino tenue. Nelle loro larga bocca hanno formazioni calcaree grazie alle quali i vermi adulti penetrano le pareti intestinale da dai cui vasi sanguigni ricavano sangue per nutrirsi. Una piccola parte degli anchilostomasi che infettano gli animali possono infettare anche l’uomo (A. ceylanicum) o possono penetrare la pelle umana ( causando larve migranti cutanee) ma non si sviluppano ulteriormente (A. braziliense, Uncinaria stenocephala)…

Ciclo di vita: Le uova di questi parassiti lasciano il loro corpo con le feci. In condizioni favorevoli (umidità, calore, ombra) nel suolo o nelle feci le larve di questi parassiti si sviluppano in 1 o 2 giorni, e dai 5 ai 10 giorni (e dopo due “mute”) diventano larve filiformi infettive. Queste larve infettive possono sopravvivere dalle 3 alle 4 settimane in condizioni ambientali favorevoli. Al contatto con il corpo umano le larve penetrano nella pelle. Entrando nella circolazione del sangue arrivano fino al cuore e ai polmoni. Da qui penetrano negli alveoli polmonari, salgono ai bronchi tramite la faringe e vengono ingerite dall’ospite. Le larve dei parassiti raggiungono l’intestino tenue, dove si stabiliscono e diventano adulte. I vermi adulti vivono nell’intestino tenue, dove attaccano le pareti intestinali e si alimentano con il sangue dell’ospite – l’uomo. La maggior parte dei vermi adulti vengono eliminati tra gli 1 e i 2 anni, ma i record di longevità possono arrivare a molti anni.

Alcune larve di A. duodenale, tramite la penetrazione nella pelle dell’ospite, possono diventare silenti (nell’intestino o nei muscoli). Inoltre la trasmissione può avvenire per via orale. Il N. americanus necessita invece di una fase di migrazione….

 

Sorgente: Quali sono i parassiti più frequenti nel nostro corpo?

Precedente LEUCOCITI ALTI nelle urine : cause e cure Successivo Progeria, sindrome da invecchiamento precoce