Ricerca britannica: “L’obesità può essere contagiosa”

Overweight boy eating cheeseburger

Studiosi britannici hanno dimostrato in uno studio pubblicato su Nature che le spore di un terzo degli oltre 140 batteri del nostro microbioma intestinale possono sopravvivere anche al di fuori del corpo umano. Con la conseguenza che, in contesti di particolare vicinanza come quello familiare, potrebbero ‘viaggiare’ da un soggetto all’altro.
I ricercatori hanno catalogato e studiato oltre 140 batteri diversi, verificando che in un terzo dei casi questi producono spore che possono risvegliarsi e che sono in grado di sopravvivere nell’ambiente. Questo fatto, è la tesi sostenuta dagli autori della ricerca, potrebbe implicare che alcune patologie legate proprio all’equilibrio del microbioma si possano trasmettere con un contatto prolungato, come può avvenire all’interno di una famiglia…

vai all’articolo…

Precedente Parkinson, la saliva rivela malattia e la sua evoluzione Successivo I sintomi dell'infezione da virus Zika