A chi serve la vitamina D e come si fa ad averne a sufficienza

wpnx-10004_istock_80345667_medium

La mappa mondiale dello stato nutrizionale di vitamina D redatto dalla IOF (Fondazione Internazionale di Osteoporosi) e i dati SIOMMS (Società Italiana Osteoporosi del Metabolismo Minerale E Malattie dello Scheletro) parlano chiaro: la carenza di vitamina D è una pandemia, l’88% della popolazione mondiale e l’80% della popolazione italiana presenta bassi livelli di vitamina D. L’azione che questo micronutriente essenziale, liposolubile, esercita su tessuto osseo, sistema immunitario, sistema cardiocircolatorio, muscoli, metabolismo e crescita cellulare, rende lo stato di ipoavitaminosi presente, un problema di salute pubblica…

vai all’articolo…

Precedente Noci e nocciole, un toccasana contro cancro e malattie cardiache Successivo Tumore polmone, infezioni sotto accusa come possibile causa