Shock anafilattico: fattori scatenanti, fattori di rischio, sintomi e primo soccorso

SHOCK-COP

Lo shock anafilattico o anafilassi, reazione allergica grave e potenzialmente letale, si cura col ricorso all’adrenalina, ricorrendo ad antistaminici e corticosteroidi nei casi più semplici, al ricovero in ospedale e all’osservazione del paziente in quelli più severi antistaminici e corticosteroidi, mentre nei casi più severi è necessario il ricovero in ospedale e l’osservazione del paziente
Lo shock anafilattico o anafilassi è una reazione allergica grave potenzialmente letale. Tra i sintomi in cui si manifesta: difficoltà di respirazione e degutizione, battito cardiaco debole e veloce, eruzione cutanea con sfoghi rossastri in rilievo e prurito, sapore metallico in bocca, gonfiore a labbra, mani e piedi, vertigini, nausea e vomito…

vai all’articolo…

Precedente Primavera: fiorisce l’aglio orsino, prezioso per la salute Successivo La salute del cervello dipende da noi