Un chip che funziona come un fegato umano per la diagnosi precoce

174803947-ad84c681-8aca-44d3-a6ac-55aa5a1d14a8È targata Università Campus Bio-Medico di Roma una piattaforma 3D in grado di ‘funzionare’ come un organo umano vero. Sarà possibile indagare l’origine della steatosi epatica non alcolica, una delle malattie del epatiche più diffuse

La malattia del fegato grasso è la steatosi epatica non alcolica che attualmente può essere diagnosticata con precisione solo attraverso la biopsia epatica, un esame invasivo e costoso, consistente in un prelievo di tessuto epatico da sottoporre a esame istologico, o tramite ultrasonografia, test di screening che presenta però limiti in termini di sensibilità e specificità…

vai all’articolo…

Precedente Da un estratto naturale di frutta la nuova arma contro i calcoli ai reni Successivo I molti pro e i pochi contro dell'allattamento al seno