Scompenso cardiaco non va in vacanza, i consigli degli esperti

In estate, malattie come lo #scompenso_cardiaco non vanno in vacanza. Come per ogni patologia cronica, il quadro clinico dello scompenso può infatti diventare più critico durante i mesi estivi, per le prolungate ondate di calore che mettono a dura prova il fisico di pazienti spesso fragili e anziani. In Italia questa patologia interessa circa un milione di persone e fa registrare, ogni anno, 190.000 ospedalizzazioni, oltre 520 al giorno…

Sorgente: Scompenso cardiaco non va in vacanza, i consigli degli esperti – Sanità – ANSA.it

Precedente No, il fattore Rh negativo non indica che il sangue è di origine aliena Successivo Un aumento del consumo di carne rossa accresce le probabilità di morte prematura